lunedì 15 giugno 2020

Soggiorni estivi per famiglie e ragazzi con disabilità visiva - I.Ri.Fo.R. Lombardia - anno 2020

Carissime e carissimi,

è con grande piacere che vi comunichiamo che, malgrado tutte le difficoltà che questo delicato periodo ha portato e porta tutt’ora con sé, il nostro I.Ri.Fo.R. della Lombardia, grazie al prezioso sostegno del Consiglio di Amministrazione Centrale e del nostro team di operatori e collaboratori, realizzerà i suoi consueti campi estivi anche per l’estate 2020.

Anzi, c’è una novità: le proposte riabilitative quest’anno passano da due a tre, in modo da includere l’utenza più vasta possibile e rispondere alle necessità di tutti. I campi si svolgeranno presso la struttura ampiamente rodata di Villa Sant’Ignazio a Duna Verde di Caorle (VE), che per altro vanta una spiaggia privata a disposizione dei partecipanti. Vi forniamo di seguito alcuni dati sintetici circa le iniziative, in attesa delle comunicazioni complete che vi verranno inviate successivamente:

- Soggiorno estivo per famiglie 2020: dal 10 al 20 luglio p.v. (con opzione di due giorni aggiuntivi per chi lo vorrà). Numero massimo di partecipanti previsto: n.21 nuclei familiari composti da un genitore e un bambino con disabilità visiva e eventuali difficoltà aggiuntive di età compresa tra 0 e 10 anni. Quota di partecipazione per il nucleo familiare: euro 1.400,00 (da ridurre in caso di bambino sotto l’anno di età, da integrare nel caso di partecipazione di parenti aggiuntivi). Attività riabilitative previste: musicoterapia, neuropsicomotricità, fisioterapia, idrostimolazione, logopedia, psicomotricità, stimolazione basale, stimolazioni visive, massaggio, orientamento e mobilità.
L’esperienza ha differenti finalità: riabilitativa per i piccoli, formativa, socializzante e motivazionale per i genitori. Durante il soggiorno, le famiglie affiancheranno i piccoli in svariate attività di carattere riabilitativo con operatori specializzati, con i quali potranno confrontarsi. Ad alcune attività potranno partecipare a scopo formativo ed educativo anche i fratelli e le sorelle dei piccoli. Per i genitori è prevista inoltre un’attività di relax e massaggio. Un team di educatori si occuperà dell’attività di babysitteraggio e animazione.

- “A passo sicuro” – Campo estivo per ragazzi e ragazze con disabilità visiva dai 14 ai 21 anni: dal 24 luglio al 7 agosto p.v. Numero massimo di partecipanti previsto: n.15 ragazzi e ragazze con disabilità visiva di età indicativamente compresa tra 14 e 21 anni. Quota di partecipazione pro capite: euro 1.600,00. Attività educativo-riabilitative previste: autonomia personale, orientamento e mobilità, laboratorio di teatro e attività di subacquea.
Si tratta di un campo estivo di carattere educativo e riabilitativo con finalità, oltre che riabilitative, formative e socializzanti. Saranno presenti n. 4 operatori (due istruttori di Orientamento, mobilità e autonomia personale, un esperto di idro-stimolazione e un’arteterapeuta/musicoterapeuta) che proporranno ai partecipanti percorsi di carattere riabilitativo in un contesto ludico e ricco di esperienze inedite.

- “Insieme, alla scoperta delle possibilità di autonomia nel quotidiano” – Campo estivo per ragazzi e ragazze con disabilità complessa: dal 24 luglio al 7 agosto p.v. Numero massimo di partecipanti: n. 25 ragazzi e ragazze con disabilità visiva e difficoltà aggiuntive indicativamente dagli 11 ai 35 anni. Per favorire la partecipazione dei più piccoli, il campo sarà aperto anche a n. 6 nuclei familiari composti da un genitore e da un bambino. Quota di partecipazione pro capite: euro 1.600,00. Attività educativo-riabilitative previste: orientamento, mobilità e autonomia personale, idrostimolazione, neuropsicomotricità e musicoterapia.
Si tratta di un’iniziativa progettata per i giovani che presentano, ciascuno ovviamente secondo le proprie specificità, difficoltà aggiuntive rispetto a quella visiva. Saranno presenti n. 4 operatori (un istruttore di Orientamento, mobilità e autonomia personale, una musicoterapista, un esperto di idro-stimolazione e una neuro-psicomotricista) che proporranno ai partecipanti laboratori e percorsi di carattere formativo, riabilitativo, socializzante e ludico in un contesto inclusivo e stimolante pensato apposta per andare incontro alle loro necessità e ai loro bisogni.

Vi chiediamo sin d’ora, considerati anche i tempi stretti, di segnalarci eventuali famiglie e ragazzi interessati a prendere parte alle iniziative. Vi ricordiamo a tale scopo che la nostra coordinatrice delle attività riabilitative regionali Sig.ra Silvia Marzoli è a piena disposizione per ogni necessità, chiarimento o informazione: cell. 334/6340071 - E-mail silviamarzoli29@gmail.com (contattabile per telefono dalle ore 14.00 in poi).

domenica 31 maggio 2020

Comunicazione importante: Domande per l’attivazione dei servizi di supporto all’inclusione scolastica per studenti con disabilità sensoriale di ogni grado di istruzione e alla formazione professionale - Anno scolastico 2020/2021

Care famiglie,

anche quest’anno scolastico, nella sua particolarità per via dell’improvvisa chiusura delle scuole a causa dell’emergenza Covid-19, sta giungendo al termine. Resta sempre vigile la nostra attenzione verso l’inclusione sociale dei nostri ragazzi, che proprio dall’istruzione dovrebbe muovere i suoi primi passi.

A tal proposito risultano di estrema importanza i servizi di supporto all’inclusione scolastica (assistente alla comunicazione e tiflologo), che grazie all’impegno del Consiglio Regionale Lombardo UICI e delle nostre Sezioni territoriali negli ultimi anni sono state oggetto di una ridefinizione da parte di Regione Lombardia all’interno di linee-guida volte a garantire standard uniformi su tutto il territorio regionale.

I predetti servizi sono erogati sulla base di progetti individuali, volti ad accompagnare l’alunno lungo il suo percorso d’istruzione sostenendolo nelle difficoltà di comunicazione e di partecipazione nel raggiungimento dei risultati scolastici e formativi a causa di limitazioni visive e uditive.

I progetti individuali tengono conto delle indicazioni provenienti dai Servizi Sociali dei Comuni, dagli specialisti e dalle diverse realtà che, a vario titolo, si occupano dei bambini e dei ragazzi con disabilità sensoriale (istituti scolastici, aziende socio-sanitarie-territoriali, ecc.), al fine di promuovere una cultura di effettiva inclusione.

Di recente Regione Lombardia ha apportato alcune novità, che influiranno in maniera diretta sull’erogazione dei servizi in oggetto. La prima è rappresentata dall’incremento dei budget a copertura dei progetti individuali:

- € 6700,00 per gli studenti con disabilità visiva, e precisamente:
a. persone affette da cecità assoluta (art. 2, legge 138/2001);
b. persone affette da cecità parziale (art. 3, legge 138/2001);
c. persone ipovedenti gravi (art. 4, legge 138/2001);
d. persone ipovedenti medio-gravi (art. 5, legge 138/2001);

- € 7.900,00 per gli studenti con disabilità sensoriale nelle seguenti condizioni:
a. pluridisabili;
b. figli di genitori con disabilità sensoriale;
c. conviventi con fratelli con disabilità sensoriale.

NOTA BENE:

1. Si precisa che, qualora a carico di uno stesso studente con pluridisabilità fossero definiti due Piani Individuali erogati da due diversi enti erogatori, l’ammontare massimo complessivo ammissibile è sempre pari a € 7.900,00.
2. Al di fuori di quanto sopra citato, soltanto eccezionalmente in caso di particolari esigenze legate alla complessità del caso debitamente valutate e dettagliatamente motivate nel Piano Individuale, e concordate con la Regione, le ATS possono validare Piani Individuali oltre € 6700,00.
3. Si precisa, inoltre, che le ore di personale non utilizzate non sono compensabili con materiale didattico o altri strumenti.
4. In caso di variazione del bisogno assistenziale, il Piano Individuale può essere rimodulato nel corso dell’anno scolastico e comunque entro il mese di gennaio.
Agli studenti che al termine dell’anno scolastico sostengono l’esame di Stato dei percorsi di istruzione o l’esame di qualifica o diploma dei percorsi ordinamentali di istruzione e formazione professionale, può essere riconosciuto un monte ore aggiuntivo per un massimo di 15 ore per l’Assistente alla Comunicazione e un massimo di 4 ore per il Tiflologo (fermo restando il rispetto del tetto massimo del valore del Piano Individuale pari a € 6700,00 o € 7900,00).

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA:

La novità più rilevante per le famiglie è la nuova modalità di presentazione delle domande per l’erogazione dei servizi di cui sopra, che da quest’anno deve essere presentata direttamente da uno dei genitori o da chi rappresenta lo studente minore, o dallo studente stesso se maggiorenne.

Le domande possono essere presentate a partire da lunedì 8 giugno 2020 esclusivamente online sulla piattaforma Bandi online all’indirizzo www.bandi.servizirl.it corredate dalla seguente documentazione:

1. documentazione sanitaria attestante la disabilità sensoriale (da scansionare e allegare – qualora non sia possibile effettuare la scansione, è possibile anche allegare la foto delle pagine di tutto il documento);
2. informativa privacy (il sistema dovrebbe presentare il modulo da completare e allegare per via telematica);
3. diagnosi funzionale nella quale sia esplicitata la necessità di assistenza per la comunicazione (da scansionare e allegare - qualora non sia possibile effettuare la scansione, è possibile anche allegare la foto delle pagine di tutto il documento);
4. verbale del collegio di accertamento per l’individuazione dello studente disabile ai sensi del DPCM 185/2006, della D.G.R. 3449/2006, integrata dalla D.G.R. 2185/2011 (da scansionare e allegare -qualora non sia possibile effettuare la scansione, e' possibile anche allegare la foto delle pagine di tutto il documento);
5. copia del documento di identità di colui che presenta la domanda (da scansionare e allegare - qualora non sia possibile effettuare la scansione, è possibile anche allegare la foto di entrambe le facciate del documento).

NOTA BENE: Considerata la situazione emergenziale Covid-19, per tutte le certificazioni in scadenza e da allegare alla domanda, si richiama la nota inviata dalla DG Welfare alle ATS prot. G1.2020.0018412 del 27/04/2020, con la quale si stabilisce che le stesse sono prorogate di un anno.

Le domande possono essere presentate previa registrazione/autenticazione in Bandi online attraverso:

- SPID - Sistema Pubblico di Identità Digitale: è un codice personale che consente di accedere da qualsiasi dispositivo e di essere riconosciuto da tutti i portali della Pubblica Amministrazione. Per richiedere ed ottenere il codice SPID:
- CNS - Carta Nazionale dei Servizi/CRS;
- nome utente e password. Per richiedere ed ottenere nome utente e password:

In questo caso, per poter operare, occorre attendere la verifica delle informazioni di registrazione e profilazione, che potrà richiedere fino a 16 ore lavorative.

Si invitano le famiglie interessate a provvedere fin d’ora alla scansione dei documenti necessari, così da essere già pronte alla data dell’8 giugno, nonché ad attivarsi con celerità qualora scegliessero di richiedere nome utente e password.

martedì 28 aprile 2020

Di necessità, virtù. Il nostro servizio di Intervento Precoce si reinventa in tempi di emergenza sanitaria

di Nicola Stilla

Ormai da quasi quindici anni, l’I.Ri.Fo.R. (Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione) della Lombardia offre alle famiglie dei piccoli con disabilità visiva un servizio riabilitativo e formativo di Intervento Precoce, attivo presso le sedi di Brescia e Milano: un equipe di operatori formata da neuro-psicomotricisti, psicomotricisti, logopedisti, musicoterapisti, osteopati, fisioterapisti, esperti della stimolazione visiva e basale e istruttori di orientamento, mobilità e autonomia personale accompagna i piccoli e i loro genitori in un percorso riabilitativo su misura, secondo un calendario di incontri a cadenza mediamente settimanale. Eccezion fatta per la pausa estiva, in tutti questi anni, il servizio non ha mai visto interruzioni, ma nelle scorse settimane l’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19 ha reso impossibile attuare gli incontri nelle loro consuete modalità: con rammarico, ci siamo trovati costretti a sospendere il servizio fino a data da definirsi.

Per sua natura, l’intervento precoce non è solo un servizio a sportello al quale le famiglie accedono: è anche un momento di dialogo e confronto, una presenza che conforta i genitori, una certezza che conferisce fiducia e spinta motivazionale. Ha un risvolto umano ed emotivo che è imponderabile: la sua assenza, la distanza che si creerà - ci siamo detti - determineranno nel tempo ricadute psicologiche negative per le quasi ottanta famiglie che si trovano nel bel mezzo di un percorso. Abbiamo quindi deciso che, in un modo o nell’altro, avremmo dovuto porre rimedio alla situazione.

“La tecnologia ci è venuta incontro – dice Simona Roca, la coordinatrice dell’equipe del servizio di Brescia – così le consulenze fisioterapiche, logopediche, psicomotorie, neuropsicomotorie, della stimolazione basale e visiva, nonché l’attività di orientamento, mobilità e autonomia personale sono arrivate a domicilio, nelle case delle famiglie, con la simpatia, la fiducia e la professionalità che ci lega da tanti anni. Ognuno dei professionisti si è messo a disposizione come poteva, con strategie, obiettivi e mezzi che più si addicono alla propria disciplina: commenti condivisi ai video realizzati dai genitori, giochi guidati a distanza in videochiamata, registrazioni audio, etc. etc.…”.

La necessità è stata quella di reinventare il servizio a distanza, puntando su quegli strumenti che tutti utilizziamo in maniera informale e che sono entrati a far parte della nostra quotidianità senza che ci accorgessimo pienamente della loro potenzialità e versatilità: Whatsapp, Facebook, Facetime le infinite app per le conference call e le video chiamate etc…

In tutto questo abbiamo trovato collaboratori d’eccezione: le famiglie. “Grazie alla loro voglia di riprendere l’attività – continua Simona Roca – i genitori si sono rivelati ascoltatori attenti e riflessivi anche sui consigli a distanza; è prezioso il tempo trascorso con loro, anche solo per fare quattro chiacchiere e risentirci vicini; grazie al loro pronto rimboccarsi le maniche, sono “prolungamenti” delle nostre mani e, tutto ciò che hanno appreso ed osservato durante gli anni di viva presenza nelle varie attività, ora lo mettono in pratica”.

È vero: fin dall’inizio abbiamo puntato molto sul coinvolgimento delle famiglie nelle attività riabilitative, ed oggi – purtroppo in un frangente triste e inatteso - ne raccogliamo i frutti. “Ovviamente non è affatto facile, sicuramente non è la stessa cosa degli incontri in presenza, ma è la nostra risposta al nulla… e sta funzionando” conclude Simona.

Anche sul versante milanese la formula ha trovato proficua applicazione. La terapista Gloria Dal Zovo ci conferma che le famiglie hanno accolto l’iniziativa con spirito costruttivo: “È essenziale, soprattutto nel caso dei bambini più piccoli e con maggiore compromissione, che la famiglia collabori – dice Gloria - e nella stragrande maggioranza è stato così”. “In taluni casi, preliminarmente all’incontro virtuale, invio indicazioni e materiale via e-mail, che i genitori possono stampare, ad esempio; nel caso dei bambini più grandi possiamo utilizzare la condivisione dello schermo del computer tramite Skype; insomma, gli obiettivi restano gli stessi, semplicemente vengono utilizzati strumenti e materiali diversi”. “Il nostro è un lavoro che si basa sulla relazione: anche solo il fatto di non interrompere il contatto vocale con il bambino, soprattutto con i più piccoli, è importante”.

Insomma, non solo abbiamo tenuto vicine le famiglie, ma siamo riusciti a proseguire i percorsi terapeutici in maniera efficace. I riscontri pienamente positivi, sia da parte dell’equipe che dei genitori, ci suggeriscono una vera e propria progettualità in questa direzione, per dare una veste nuova ad un servizio che vuole, anzi deve stare al passo con i tempi: i tempi eccezionali che stiamo vivendo mentre scrivo queste righe, ma anche i tempi che abbiamo vissuto fino a pochi mesi fa, nell’auspicio che tornino presto.

martedì 14 maggio 2019

SOGGIORNI ESTIVI ANNO 2019

Anche quest’anno, grazie all’impegno economico da parte del Consiglio di Amministrazione Centrale del nostro Istituto, l’ I.Ri.Fo.R. Regionale Lombardo organizzerà a Duna Verde di Carole (VE)  il Soggiorno Estivo per Famiglie (bambini e bambine 0-9 anni) e il Campo Estivo-educativo riabilitativo per ragazzi e ragazze disabili visivi. 

Soggiorno Estivo per Famiglie (bambini e bambine 0-9 anni) – Caorle (VE) 13-23 luglio 2019

Il soggiorno, come sempre, è riservato alle famiglie dei bambini con disabilità visiva anche con eventuali minorazioni aggiuntive di età compresa tra 0 e 9 anni e rappresenta una speciale occasione per vivere, in un contesto di vacanza e svago, un’esperienza altamente formativa; i genitori, parteciperanno da vicino all’attività riabilitativa dei figli, e potranno esserne protagonisti consapevoli e competenti; avranno la preziosa opportunità di interfacciarsi con i tecnici della riabilitazione e di confrontarsi per condividere esperienze, consigli ed informazioni, con una benefica e certa ricaduta di carattere psicologico e motivazionale.

Il numero di partecipanti previsto per il soggiorno estivo è di 18 nuclei familiari; per nucleo familiare si intende il bambino/a  ipo o non vedente accompagnato/a da uno dei due genitori.

Nel caso in cui perverranno richieste in sovrannumero, dovremo necessariamente procedere ad una selezione di massima. Onde evitare qualsiasi problema, tale selezione sarà effettuata semplicemente sulla base dei seguenti criteri: 1) la data di presentazione dell’istanza di partecipazione; 2) la provenienza della famiglia (si cercherà di favorire la partecipazione di almeno un nucleo familiare per ogni provincia lombarda); 3) il coinvolgimento da parte della famiglia nel servizio di Intervento Precoce che il nostro I.Ri.Fo.R. svolge a Milano e Brescia. 

Il soggiorno si svolgerà presso la Casa per Ferie Villa Sant’Ignazio sita in Via Selva Rosata, 87 Duna Verde di Caorle (VE) dal 13 al 23 luglio 2019. 

Le adesioni dovranno pervenire alla Presidenza Regionale dell’I.Ri.Fo.R. entro e non oltre il 17 giugno p.v. (segreteria_irifor@uicilombardia.org).

Qui il riepilogo dell'iniziativa e la scheda d'iscrizione.

Nella certezza di poterVi offrire, anche quest’anno, risposte concrete, comunichiamo che ulteriori informazioni sul soggiorno potranno essere fornite dalla responsabile dei Progetti Riabilitativi, Sig.ra Silvia Marzoli cell. 334/6340071 - E-mail silviamarzoli29@gmail.com (contattabile per telefono dalle ore 14.00 in poi). 


Campo Estivo-educativo riabilitativo per ragazzi e ragazze disabili visivi – Duna Verde di Carole (VE) dal 26 luglio – 9 agosto 2019

Potranno partecipare al soggiorno estivo n. 21 giovani di età compresa tra i 12 e i 35 anni (*con priorità per la fascia d’età compresa tra 13 e 18 anni) e n. 4 bambini dai 9 ai 12 anni accompagnati da uno o entrambi i genitori. 

Quest’ultimo aspetto rappresenta la principale novità confermata nel progetto dopo il successo della sperimentazione dell’anno scorso: ovvero l’inclusione nel novero dei partecipanti dei piccoli tra i 9 e i 12 anni che finora non avevano trovato spazio in questo tipo di iniziativa. La finalità è quella di preparare i ragazzi più piccoli all’esperienza del campo estivo in modo morbido e graduale, offrendo la possibilità alle famiglie di questi ragazzi di essere ospitate, con spese a proprio carico, presso la struttura ove l’attività si svolge. Naturalmente i genitori (o gli eventuali parenti che vorranno partecipare) non interferiranno con le attività che il bambino svolgerà assieme agli altri e alle altre durante la giornata, e saranno presenti unicamente nelle ore serali e notturne.

Nell’ambito di questi quattro posti riservati ai bambini più piccoli accompagnati dai genitori, potranno essere inseriti, in via eccezionale, anche ragazzi oltre i 12 anni con gravi pluridisabilità, i quali, per ragioni di sicurezza e di salute, necessitano di un’assistenza specifica che il personale degli educatori/operatori presenti al campo non può fornire senza il supporto/presenza/supervisione di un familiare; le richieste di partecipazione relative a queste situazioni, verranno naturalmente valutate caso per caso ed accolte solo ed esclusivamente laddove si evidenzino chiaramente le necessità sopra descritte.     

Le adesioni dovranno pervenire alla Presidenza Regionale dell’I.Ri.Fo.R. su apposita scheda, attraverso le Sezioni Provinciali dell’U.I.C.I. o direttamente dalle famiglie (tramite fax: 02/76.00.15.28  o e-mail: segreteria_irifor@uicilombardia.org) entro e non oltre il 24 giugno p.v.

Al ricevimento delle adesioni, si provvederà alla eventuale selezione sulla base dei seguenti parametri:
a) data di ricezione 
b) provenienza (si cercherà di favorire la partecipazione di almeno una famiglia per ogni provincia lombarda)

Qui il riepilogo dell'iniziativa e la scheda d'iscrizione.

Nella certezza di poterVi offrire, anche quest’anno, risposte concrete, comunichiamo che ulteriori informazioni sul soggiorno potranno essere fornite dalla responsabile dei Progetti Riabilitativi, Sig.ra Silvia Marzoli cell. 334/6340071 - E-mail silviamarzoli29@gmail.com (contattabile per telefono dalle ore 14.00 in poi). 

mercoledì 6 febbraio 2019

28 FEBBRAIO, TEATRO GRANDE DI BRESCIA: UN OMAGGIO A ROSSINI A SOSTEGNO DEL SERVIZIO INTERVENTO PRECOCE

Il Consiglio Regionale Lombardo dell’U.I.C.I. (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), grazie alla gentile disponibilità dell’Associazione Amici del Loggione del Teatro alla Scala di Milano, propone per il prossimo 28 febbraio presso il Teatro Grande di Brescia un concerto benefico, il cui ricavato sarà interamente devoluto a favore delle attività del servizio INTERVENTO PRECOCE, che da diversi anni assicura percorsi terapeutici personalizzati a bambini in età prescolare con problemi visivi e alle loro famiglie.

Protagonista della serata sarà il celebre compositore Gioacchino Rossini, che a poco più di 150 anni dalla sua scomparsa mantiene viva la sua presenza artistica grazie alla grandiosità delle sue opere. Saranno eseguiti pezzi dall’imponente produzione rossiniana (Aureliano in Palmira, Elisabetta Regina d’Inghilterra, Mosè in Egitto, l’Assedio di Corinto ed altre opere), alternando arie celebri a brani di rara esecuzione, facendo sì che Il concerto possa incontrare sia l’interesse del pubblico di massa che quello dell’appassionato, data l’eterogeneità della proposta.

Oltre che un “omaggio”, sarà anche una simpatica occasione per celebrare il compleanno di quest’ultimo, nato a Pesaro il 29 febbraio del 1792.

“A nome di tutto il Consiglio Regionale e di tutti i nostri Soci – dichiara il Presidente Regionale UICI Nicola Stilla – rivolgo un sentito ringraziamento all’amministrazione locale e al Teatro Grande di Brescia che hanno consentito la fattibilità dell’iniziativa. Esprimo viva gratitudine, inoltre, all’Associazione Amici del Loggione del Teatro alla scala di Milano, che con la sua orchestra composta da 36 elementi affiancata da un coro di almeno 80 elementi e 6 solisti ci permetterà di dare vita ad un evento in grado di coniugare cultura e finalità benefiche”.

COS’È IL SERVIZIO INTERVENTO PRECOCE?
Attivo da diversi anni sul territorio bresciano il servizio, assicurato dall’UICI tramite l’IRIFOR (Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione) della Lombardia e grazie alla collaborazione e al sostegno dell’Associazione Nati Per Vivere, attraverso interventi riabilitativi individuali che tengano conto del grado di sviluppo, delle caratteristiche personali e delle peculiarità ambientali in cui il bambino vive, si pone l'obiettivo di monitorare e catalizzare lo sviluppo relazionale, ludico, cognitivo, motorio ed eventualmente visivo dei piccoli, affiancando le famiglie in questa delicatissima fase della crescita.
Un mancato intervento nei primi anni può compromettere irreversibilmente lo sviluppo psicomotorio del piccolo e, proprio per questo, INTERVENTO PRECOCE è un servizio di vitale importanza per le quasi cento famiglie del nostro territorio che ne usufruiscono.

28 febbraio, ore 20.45 – Teatro Grande di Brescia, C.so Zanardelli n. 9

Costo del biglietto - 15,00 euro intero, 10,00 euro per gli over 65 e under 25. L’orario di inizio è 20:45.
I biglietti sono acquistabili presso la Sezione UICI di Brescia - Via Divisione Tridentina 54 – Tel. 030.2209412 – e-mail: uicbs@uiciechi.it.
È possibile rivolgersi anche al Consiglio Regionale UICI della Lombardia – tel. 02.76011893 – e-mail: uiclomb@uiciechi.it

PROGRAMMA:

Dallo “Stabat Mater”:
• STABAT MATER DOLOROSA (coro e soli: Campanella, Menna, Bono, Park) 9:40
• CUIUS ANIMAM (tenore: Bono) 6:00
• PRO PECCATIS (basso: Park) 4:30
• INFLAMMATUS (coro e soprano: Campanella) 4:40 
Dalla “Petite Messe solennelle”:
• KYRIE (coro) 3:00
• AGNUS DEI (coro e mezzosoprano: Menna) 7:00
Da “Aureliano in Palmira”:
• SPOSA DEL GRANDE OSIRIDE (coro) 4:40
Da “Elisabetta d’Inghilterra”
• QUANTO E’ GRATO ALL’ALMA MIA (coro e soprano: Campanella) 7:00
Dal “Mose’ In Egitto”: 
• DAL TUO STELLATO SOGLIO (coro e soli: Campanella, Bono, Park) 5:00
Da “Semiramide” 
• BEL RAGGIO LUSINGHIER (soprano: Mannino) 7:00
Da “La donna del lago”:
• Coro di Introduzione DEL DI’ LA MESSAGGERA (coro) 4:30
Da “Assedio di Corinto” 
• GIUSTO CIEL IN TAL PERIGLIO (coro e soprano: Mannino) 3:40
Da “Guglielmo Tell”
• FINALE (coro e soli: Campanella, Mannino, Menna, Bono, Park) 3:20
BIS “Dal tuo stellato soglio” (coro e tutti i solisti) 5:00
CORO, ORCHESTRA e SOLISTI DELL’ASSOCIAZIONE “AMICI DEL LOGGIONE DEL TEATRO ALLA SCALA
Renata Campanella e Francesca Mannino soprani, Nunzia Menna mezzosoprano, Emanuele Bono tenore
Sandro Eria baritono, Kiok Park basso. 
DIRETTORE: FILIPPO DADONE

venerdì 18 maggio 2018

SOGGIORNO ESTIVO PER FAMIGLIE 2018

Anche quest’anno, grazie all’impegno economico da parte del Consiglio di Amministrazione Centrale del nostro Istituto, l’ I.Ri.Fo.R. Regionale Lombardo, organizzerà a Duna Verde di Carole (VE), dal 15 al 25 luglio, il soggiorno estivo per famiglie. 

Il soggiorno, come sempre, è riservato alle famiglie dei bambini con disabilità visiva anche con eventuali minorazioni aggiuntive di età compresa tra 0 e 8/9 anni e rappresenta una speciale occasione per vivere, in un contesto di vacanza e svago, un’esperienza altamente formativa; i genitori, parteciperanno da vicino all’attività riabilitativa dei figli, e potranno esserne protagonisti consapevoli e competenti; avranno la preziosa opportunità di interfacciarsi con i tecnici della riabilitazione e di confrontarsi per condividere esperienze, consigli ed informazioni, con una benefica e certa ricaduta di carattere psicologico e motivazionale.

Il numero di partecipanti previsto per il soggiorno estivo è di 18 nuclei familiari; per nucleo familiare si intende il bambino/a  ipo o non vedente accompagnato/a da uno dei due genitori.

Nel caso in cui perverranno richieste in sovrannumero, dovremo necessariamente procedere ad una selezione di massima. Onde evitare qualsiasi problema, tale selezione sarà effettuata semplicemente sulla base dei seguenti criteri: 1) la data di presentazione dell’istanza di partecipazione; 2) la provenienza della famiglia (si cercherà di favorire la partecipazione di almeno un nucleo familiare per ogni provincia lombarda); 3) il coinvolgimento da parte della famiglia nel servizio di Intervento Precoce che il nostro I.Ri.Fo.R. svolge a Milano e Brescia. 

Il soggiorno si svolgerà presso la Casa per Ferie Villa Sant’Ignazio sita in Via Selva Rosata, 87 Duna Verde di Caorle (VE) dal 15 al 25 luglio 2018. 
Le adesioni dovranno pervenire alla Presidenza Regionale dell’I.Ri.Fo.R. su apposita scheda (scaricabile in .pdf in calce a questo post) via e-mail (segreteria_irifor@uicilombardia.org) entro e non oltre il 25 giugno p.v., previo impegno a versare la quota di competenza così distinta: genitore più bambino inferiore ad un anno €. 1.040,00; genitore più bambino superiore ad un anno e inferiore a 9 anni  €. 1.400,00. 

La quota di partecipazione comprende: 
- Soggiorno del genitore e del bambino;
- La partecipazione a tutte le attività riabilitative e ricreative 
- Servizio spiaggia e altri servizi offerti dalla struttura.
- Servizio animazione
- Assicurazione RC e infortuni

Nel caso in cui desiderino partecipare altri componenti del nucleo familiare, questi ultimi dovranno provvedere ad integrare la somma secondo i seguenti criteri: € 620,00 per ogni adulto, € 400,00 per ciascun bambino (per bambino s’intende di età inferiore agli anni 10). Segnaliamo inoltre che i familiari aggiuntivi dovranno versare anche un contributo per l’assicurazione RC e infortuni pari ad € 20,00 a persona. 

Nella certezza di poterVi offrire, anche quest’anno, risposte concrete, comunichiamo che ulteriori informazioni sul Soggiorno potranno essere fornite dalla responsabile dei Progetti Riabilitativi, Sig.ra Silvia Marzoli tel.: 030/7267733 cell. 334/6340071 - E-mail silviamarzoli29@gmail.com (contattabile per telefono dalle ore 14.00 in poi). 

>>> Scarica la scheda di iscrizione in formato .pdf

CAMPO ESTIVO EDUCATIVO RIABILITATIVO PER RAGAZZI E RAGAZZE CON DISABILITA' VISIVA - ESTATE 2018

Anche quest’anno, grazie all’impegno economico da parte del Consiglio di Amministrazione Centrale del nostro Istituto, questo I.Ri.Fo.R. Regionale della Lombardia organizzerà un campo estivo per ragazzi e ragazze con disabilità visiva (ed ulteriori eventuali disabilità). Il soggiorno è aperto a n. 18 giovani di età compresa tra gli 11 e i 23 anni (*con priorità per la fascia d’età compresa tra 13 e 18 anni) non accompagnati dai genitori e n. 4 bambini dai 9 ai 12 anni (*con priorità per i ragazzi con minorazioni aggiuntive) accompagnati dai uno o entrambi i genitori e si terrà dal 27 luglio al 10 agosto presso la Casa Vacanze Villa Sant'Ignazio a Duna Verde di Caorle (VE). 

Potrete ottenere gli opportuni approfondimenti rivolgendovi alla Struttura territoriale dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti più vicina a voi, o alla responsabile e coordinatrice delle nostre iniziative riabilitative estive: sig.ra Silvia Marzoli (che risponde telefonicamente dalle ore 14,00 tel. 030/7267733, cell. 334/6340071, e-mail: silviamarzoli29@gmail.com), alla quale potete indirizzare anche le amiche e gli amici interessati.

Le adesioni dovranno pervenire alla Presidenza Regionale dell’I.Ri.Fo.R. su apposita scheda (la si trova in alce a questo post!), attraverso le Sezioni Provinciali dell’U.I.C.I. o direttamente dalle famiglie (tramite fax: 02/76.00.15.28  o e-mail: segreteria_irifor@uicilombardia.org) entro e non oltre il 25 giugno p.v., previo impegno degli interessati a versare la somma di:

- €. 1.600,00 per ciascun ragazzo/a tra i 11 e i 23 anni che partecipa autonomamente;
- €. 1.100,00 per ciascun ragazzo/a tra i 9 e i 12 anni (o di età superiore in caso di grave pluridisabilità) che partecipa con uno o più familiari;

La quota di partecipazione comprende:
- Soggiorno del partecipante per n. 14 giorni
- La partecipazione a tutte le attività riabilitative e ricreative
- Assistenza diurna e notturna
- Servizio spiaggia
- Viaggio di andata e ritorno in pullman
- Assicurazione RC e infortuni

Al ricevimento delle adesioni, si provvederà alla eventuale selezione sulla base dei seguenti parametri:
a) data di ricezione
b) provenienza (si cercherà di favorire la partecipazione di almeno una famiglia per ogni provincia lombarda).

>>> Scarica la scheda di iscrizione in .pdf